Asiatica Film Mediale

A Knight’s Tale: vecchie foto dal set di Heath Ledger condivise dal co-protagonista

A Knight’s Tale: vecchie foto dal set di Heath Ledger condivise dal co-protagonista
Erica

Di Erica

07 Aprile 2022, 00:46


L’attore Rufus Sewell ha condiviso alcune vecchie foto dal set del defunto Heath Ledger di A Knight’s Tale del 2001. La commedia d’azione medievale era interpretata da Ledger e Sewell, oltre a Alan Tudyk, Shannyn Sossamon, Mark Addy e Paul Bettany. Ledger ha interpretato lo scudiero William Thatcher che finge la sua identità di cavaliere per competere in una gara di giostre e conquistare il cuore di una nobildonna. Il film è stato un modesto successo che ha messo in mostra il carisma naturale di Ledger, portando a una serie di ruoli importanti nella sua breve carriera, tra cui Brokeback Mountain e The Dark Knight.

Ledger ha interpretato il ruolo di Thatcher in A Knight’s Tale dopo essere apparso in The Patriot del 2000 insieme al collega australiano Mel Gibson. Quel film, insieme al suo lavoro in 10 cose che odio di te, lo avrebbe portato sulla strada della celebrità. Lo scrittore/regista di Knight’s Tale Brian Helgeland ha scelto l’attore semplicemente per aver visto i quotidiani di The Patriot prima che fosse distribuito (il regista aveva già lavorato con Gibson in Payback nel 1999). Sewell ha interpretato il cattivo in A Knight’s Tale, un giostratore in competizione di nome Conte Adhemar.

Per celebrare quello che sarebbe stato il 43° compleanno di Ledger, Sewell è andato su Twitter e ha pubblicato alcune immagini sincere sul set della sua co-protagonista dai giorni in cui lavorava al film. Sewell ha notato di aver trovato le foto dopo aver pensato che “erano perse per sempre” nel post. In un post successivo, ha condiviso un’immagine di Ledger in cima a un cavallo, sottotitolando “Il broncio”, notando l’espressione di Ledger nello scatto. Dai un’occhiata alle foto qui sotto:

Il broncio. pic.twitter.com/iGwnWgfJMs

— Rufus Sewell 💙 (@FredrikSewell) 6 aprile 2022

Ledger è morto per overdose nel 2008, poco dopo aver terminato il lavoro su Il cavaliere oscuro di Christopher Nolan e durante la produzione di Terry Gilliam. L’immaginario del dottor Parnaso. Il cavaliere oscuro è stato rilasciato quasi sei mesi dopo la morte di Ledger e gli sarebbe valso un Oscar postumo come miglior attore non protagonista per la sua interpretazione di Joker. Ledger era stato precedentemente nominato per un premio come miglior attore per il suo lavoro in Brokeback Mountain di Ang Lee.

La tragica perdita di Ledger continua a essere sentita dai suoi cari e dai fan di tutto il mondo. Ledger ha lasciato un segno indelebile nella sua breve ma memorabile carriera, in particolare con la sua interpretazione del Joker ne Il cavaliere oscuro. Tuttavia, l’attore ha un sacco di gemme sparse nel suo curriculum che sono spesso trascurate, una di queste è A Knight’s Tale, che è ancora un divertimento, ispirato e travolgente per la folla. Vedere l’attore in vecchie foto è come sperimentare di nuovo il suo talento e porta a casa la perdita del suo tremendo spirito sullo schermo.

Fonte: Rufus Sewell

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }




Potrebbe interessarti

Tony sostituito da un Velociraptor nel video della parodia di West Side Story
Tony sostituito da un Velociraptor nel video della parodia di West Side Story

L’ultimo film di Steven Spielberg, West Side Story, riceve un crossover inaspettato da uno dei suoi film più iconici in un esilarante video parodia. Anche se può sembrare che Spielberg abbia affrontato ogni genere sotto il sole, il primo musical del prolifico regista è arrivato proprio l’anno scorso. West Side Story, un remake del film […]

Jim Carrey rivela l’unico modo in cui farebbe un sequel dei suoi film classici
Jim Carrey rivela l’unico modo in cui farebbe un sequel dei suoi film classici

Attore e comico Jim Carrey ha spiegato cosa ci vorrebbe per accettare un sequel di uno dei suoi film classici. Diventare una superstar per il suo ruolo di Ace Ventura nel blockbuster del 1994, le buffonate imprevedibili e le espressioni facciali gommose di Carrey erano al centro del suo umorismo. Col passare del tempo, tuttavia, […]