Asiatica Film Mediale

21 I direttori di Jump Street prendono in giro uomini scartati con piani crossover neri

21 I direttori di Jump Street prendono in giro uomini scartati con piani crossover neri
Erica

Di Erica

05 Febbraio 2022, 10:26


Phil Lord e Christopher Miller, registi di 21 Jump Street, parlano del crossover Men In Black che non è mai stato realizzato. Lord e Miller hanno diretto il riavvio di 21 Jump Street del 2012, che vedeva Jonah Hill e Channing Tatum nei panni di poliziotti sotto copertura che lavoravano per infiltrarsi in un giro di droga del liceo. Il film è stato un enorme successo, incassando oltre 200 milioni di dollari in tutto il mondo con un budget di 42 milioni di dollari. Lo hanno seguito con un sequel nel 2014 chiamato 22 Jump Street, che ha riportato Hill e Tatum a lavorare su un nuovo caso al college. 22 Jump Street ha finito per avere ancora più successo del primo film, portando molti a credere che una terza puntata fosse assicurata. Tuttavia, iniziarono a circolare voci sul fatto che il franchise di Jump Street stesse cercando di incrociarsi con un’altra proprietà Sony di alto profilo, Men In Black.

Il franchise di Men In Black è iniziato nel 1997, con Will Smith e Tommy Lee Jones come agenti incaricati di monitorare e controllare l’attività aliena sulla Terra. Smith e Jones sono tornati per due sequel, Men In Black II del 2002 e Men In Black 3 del 2012. Dopo il successo dei film di Jump Street e Men in Black 3, le voci di un crossover tra le proprietà si sono rivelate vere, con un titolo provvisorio di MIB 23. Tuttavia, dopo alcuni anni di sviluppo infernale, il crossover proposto è stato infine scartato.

Durante una recente apparizione nel podcast Happy Sad Confused, Lord e Miller hanno discusso dei dettagli relativi al fallito crossover 21 Jump Street/Men In Black. Lord ha detto che c’era “una sceneggiatura crossover di Men In Black / Jump Street che era molto divertente e molto pazza che abbiamo davvero adorato”. Lord ha continuato spiegando che il film avrebbe visto Hill e Tatum lavorare a un caso alla scuola di medicina quando sono stati coinvolti con i Men In Black. Tuttavia, le complicazioni della fusione dei due franchise sono state sbalorditive, con Lord che ha aggiunto: “è stato pazzesco cercare di gestire questi due franchise e non portarli entrambi a terra”. Tuttavia, sembra che il crossover fosse destinato a verificarsi, con Miller che ha aggiunto: “è andato molto vicino a realizzarsi”. Dai un’occhiata ai commenti di Lord e Miller qui sotto:

Lord: “È vero che sono state sviluppate molte di queste cose. C’era, che ci crediate o no, una sceneggiatura crossover tra Men In Black/Jump Street che era molto divertente e molto pazza che abbiamo davvero adorato”.

Miller: “Una delle mie idee preferite era Men In Black, le tute nere erano come cinture di arti marziali che dovevi salire fino al nero e [the Jump Street guys] sono stati emessi abiti Men In Black blu potenziati.

Lord: “Fondamentalmente, l’idea era Jonah e Channing, è successa una cosa mentre stavano facendo la loro avventura alla scuola di medicina che li ha coinvolti nel mondo di Men In Black e che li ha portati a collaborare per fermare un tipo di acquisizione di potere alieno. Era è stato molto divertente, è stato pazzesco cercare di gestire questi due franchise e non spingerli entrambi a terra sembrava una vera sfida”.

Miller: “Dirò che è andato molto vicino a ciò che accadeva”.

Signore: “Molto, molto vicino”.

Il crossover Jump Street/Men In Black alla fine è andato in pezzi per vari motivi. Mentre Hill e Tatum erano a bordo, Smith e Jones non erano coinvolti dalla parte di Men In Black. L’idea è stata infine considerata “un abbinamento impossibile” dal produttore Walter Parkes e il crossover era morto nell’acqua. La maggior parte del pubblico sarebbe d’accordo sul fatto che si trattasse di franchise in qualche modo non corrispondenti, poiché oltre ad essere commedie, i film di Jump Street erano un po’ più radicati nella loro premessa, rendendo gli exploit extraterrestri dei film di Men In Black un adattamento imbarazzante.

Men In Black ha arrancato senza le sue stelle originali, pubblicando Men In Black: International del 2019, con Chris Hemsworth e Tessa Thompson. Men In Black: International si è rivelato redditizio, ma ha mancato di critica e pubblico, lasciando il franchise inattivo da allora. Per quanto riguarda il franchise di Jump Street, una terza puntata non è andata a buon fine, anche se Lord e Miller hanno affermato che le cose si stanno sviluppando dolcemente. C’erano anche voci su uno spin-off di Jump Street incentrato su poliziotte sotto copertura chiamato Jump Street: Now For Her Pleasure, anche se non è chiaro se questo stia ancora andando avanti. Mentre ogni franchise contempla la sua prossima mossa, tutti i fan sanno per certo che non vedranno mai un crossover 21 Jump Street e Men In Black.

Fonte: Felice Triste Confuso

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }


Potrebbe interessarti

Spider-Man: Tom Holland si rammarica di non aver ricevuto la benedizione di Andrew Garfield
Spider-Man: Tom Holland si rammarica di non aver ricevuto la benedizione di Andrew Garfield

Tom Holland rivela di essersi pentito di non aver parlato con il precedente attore di Spider-Man, Andrew Garfield, prima di assumere il ruolo di Spider-Man del MCU. Holland ha fatto il suo debutto come eroe iconico in Captain America: Civil War del 2015. Da allora la star ha interpretato il personaggio in 5 film successivi, […]

Il punteggio di Batman rende Mask of the Phantasm’s Ending più straziante
Il punteggio di Batman rende Mask of the Phantasm’s Ending più straziante

Batman: Mask of the Phantasm ha avuto il suo finale rivisitato in un fan edit che utilizza il nuovo tema di The Batman composto da Michael Giacchino. Nonostante sia la terza rivisitazione cinematografica del Crociato Incappucciato nel 21° secolo, i fan più accaniti e il pubblico stanno aspettando con impazienza The Batman di Matt Reeves, […]